Castel del Monte

Una visita nella Puglia di Castel del Monte (a una quarantina di chilometri da Bari) è un modo affascinante per conoscere e incontrare, in una cornice unica, un raro concentrato di bellezze del tredicesimo secolo, difficilmente visibile altrove.

Il castello, voluto da Federico II di Svevia, sprigiona una straordinaria forza propria, un enigmatico “non detto” che rende Castel del Monte un unicum medievale nel panorama mondiale.

Solo l’Italia racchiude tesori artistici di simili fogge, frutto di snodi storici assolutamente irripetibili.

E’ con un tempo dicembrino che andiamo a trovare “la creatura” di Federico, eretta qualche anno prima della sua morte (1250). Il castello è battuto dal vento, forte, ma non troppo freddo.

Siamo in pochi, all’inizio praticamente da soli. La diretttrice, Elena Silvana Saponara, ci onora della sua compagnia, prendendoci “per mano” lungo le sale. Sembra un luogo ricostruito, hollywoodiano, in un certo senso, ma non è così.

Malgrado secoli di spoliazioni e saccheggi, l’edificio è invece sostanzialmente integro e riesce a mantenere la sua sontuosa personalità senza grossi affanni.

Un aspetto che colpisce enormemente è la forma esterna, ottagonale. Si passa del tempo ad ammirarla, a cercare (invano) di carpirne il significato.

Al tempo stesso se ne apprezza anche la posizione sopraelevata e centrale, sita nell’Altopiano delle Murgie occidentali, da cui si vede anche il mare. L’interno è bello e raffinato quanto l’esterno, coacervo di stili diversi e specchio della concezione federiciana.  Passeggiando tra le sale si riesce immediatamente, malgrado lo scarto temporale, a percepire il grado e il lignaggio conferito illo tempore al castello, probabilmente uno dei più lussuosi dell’epoca.

Federico II di Svevia

Federico II non si è certo limitato a dare vita a questo maniero, avendone fatto edificare una trentina in Puglia, quasi come perle di una collana, a testimonianza della sua grandezza, ma questo è senza dubbio uno dei più belli e incomparabili.

Non ci si può affacciare sul Meridione senza visitare una simile gemma, che sembra quasi respirare il sogno di Federico, un gigante assoluto della storia per diversi e fondamentali motivi. In questa sede basti ricordare che Federico II, dotato di una visione universale della vita e in possesso di una concezione moderna dello Stato,  tentò di unificare l’Italia e anticipò gli afflati meravigliosi del Rinascimento.

Da Roma c’è un comodo volo su Bari. Da lì si può affittare una vettura e in poco meno di un’ora si arriva a Castel del Monte. Se si ha un po’ di tempo, si può risalire verso Lucera, a un’ora e vento di macchina verso Nord, che merita una visita e un paio di pernottamenti. Stesso discorso per Bari, con la sua città vecchia, la basilica di San Nicola e la cattedrale di San Sabino, l’architetttura razionalista e tanto altro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 − 16 =