Incenso, spezie, bestiame, manufatti tipici omaniti, oggetti d’arte e monili… I mercati e i souq in Oman sono un brulicare di colori e profumi, aperti dall’alba al tramonto. Scopriamo assieme i principali, in un tour ideale partendo dalla capitale:

Muttrah – il souq di Muscat

Iniziamo il nostro tour da Muscat, la capitale dell’Oman. La città, situata a nord del paese, combina al meglio l’antichità con la modernità. Ai visitatori viene offerta una scelta incredibile di cose da vedere: tra queste, il Souq di Muttrah, uno dei più antichi del mondo arabo. Oggi ristrutturato e decorato in stile arabo contemporaneo, con vetrate a piombo e luminose lanterne, il mercato apre due volte al giorno. Oltre a questo magnifico souq, val la pena fare una visita al Fish Market. Camminando per le vie della città, inoltre, è impossibile non essere rapiti dai profumi irresistibili degli stand dello Street Food che vendono kebab e spiedini di carne grigliata con salsa al tamarindo.

Mercati e Souq di Nizwa

Ogni venerdì mattina all’alba, poco fuori Nizwa, alle porte del deserto, si tiene il mercato del bestiame : i venditori decantano le lodi del loro animale (capre e mucche) e stabiliscono un prezzo di base . I compratori studiano gli esemplari, contrattano, si consultano: è uno spettacolo da non perdere per ammirare le tradizioni del posto.
Entrando nelle mura di Nizwa, troviamo diversi souqfrutta, spezie, argenti e crete, nonché quello del pesce e un intero negozio che annovera le 100 e più qualità di datteri dell’Oman e una zona di degustazione di khawa – il caffè omanita – halwa (dolce tipico a base di datteri, cardamomo, acqua di rose e miele). Oltre i souq, decine di negozietti dove poter acquistare argenti e khanjar o artigianato omanita a base di ceramica e di argento.

Souq della regione desertica 

Famoso per la compravendita di cammelli e capre, barattati con beni moderni, il mercato di Sinaw è un luogo pittoresco anche per ammirare gli omaniti che vi prendono parte, curiosi per i loro abiti tradizionali. Celebri, in Oman, sono anche i mercati beduini, quale, ad esempio, quello di Bidiyah, situato nel deserto e tenuto dalle donne beduine, che vendono ogni giorno ceste fatte a mano, cuscini e tessuti tradizionali. Invitano i visitatori a sedersi assieme a loro, offrendo la tradizionale tazza di kahwa con datteri.

Mercato del pesce di Sur

Rimanendo sempre sulla costa nord, un centro da visitare è quello di Sur, che vanta lunghe spiagge sabbiose e un mare limpido. All’estremità della penisola che abbraccia la baia sorge un faro, da cui è possibile ammirare la vista sulla baia, che è davvero spettacolare. Vicino al Ra’s Jimilah e a poca distanza dal centro di Sur, si svolge, giornalmente, il mercato del pesce di Sur, particolare in quanto riservato esclusivamente agli uomini. Si svolge di prima mattina e i visitatori possono guardare i pescatori che scaricano e vendono il pescato del giorno.

Mercati e Souq di Salalah 

A Sud del paese, da non perdere il mercato dell’incenso che si tiene nel mese di settembre a Salalah. È il mercato più profumato dell’Oman, se non dell’intera penisola araba. La produzione dell’incenso in Oman è un processo che si snoda lungo tutto l’anno: l’estrazione si tiene nel periodo tra maggio e giugno e la lavorazione durante l’estate, per essere poi pronta a settembre. Dalla lavorazione dell’incenso si produce l’olio essenziale, che ha effetti medicinali tonificanti ed energetici, previene le infezioni delle vie respiratorie, è antinfiammatorio, antidolorifico e calmante. L’incenso viene prodotto in varie formati in base alla qualità della resina lavorata durante l’estrazione.
A Salalah da non perdere sono anche il mercato delle capre e i vari souq che vendono ceramiche tipiche omanite, acque profumate, tessuti variegati e gioielli d’argento.

 

A cura di Silvia Staffolani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sette − 1 =