Muscat City, la capitale portuale dell’Oman, à adagiata sul golfo di Oman ed è circondata dalle montagne e dal deserto. La città, che alterna centri commerciali esclusivi a monumenti costruiti in cima alle scogliere, è facilissima da vivere in 48 ore, girovagando tra musei e mercati, concedendosi una serata all’Opera o una passeggiata sul lungomare di Muttrah; o a Qrum, magari con una sosta allo shisha bar.

Musei e luoghi da visitare

  1. Il nuovo National Museum of Oman, situato nei pressi di Al Alam Palace, nel cuore di Muscat, inaugurato nel 2016 con l’obiettivo di preservare il patrimonio storico e promuovere i valori tradizionali del Paese.                                                                   Il complesso ospita 14 gallerie permanenti organizzate in ordine cronologico e tematico su 4.000 mq, che custodiscono oltre 5.000 artefatti, dalla preistoria al rinascimento omanita, l’ascesa del Sultano Qaboos bin SaidAl suo interno si trova il primo Learning Center del Sultanato e un’area dedicata al restauro delle opere selezionate
  2. Opera magnifica e di grande respiro architettonico è la Grand Mosque Sultan Qaboos.  L’esterno, composto da tre grandi cortili principali, è monumentale.  La sala di preghiere per gli uomini è interamente composta di marmo di Carrara e vetrate in stile persiano. Unici anche lo chandelier Svarowski che la illumina e il gigantesco tappeto persiano fatto a mano che copre una superficie di 4.263 mq. La visita alla Grande Moschea è consentita a uomini e donne che non professano la religione islamica dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle 11.00. Per avere accesso, è necessario coprire gambe e braccia, caviglie e polsi. Le donne dovranno velare anche il capo.
  3. La magnifica Royal Opera House Muscat. Il maestoso edificio, fortemente voluto dal Sultano, appassionato di musica, si trova nel cuore della città, e testimonia lo sviluppo culturale del Sultanato.
  4.  Situato nella zona vecchia di Muscat, il museo etnografico Bait Al Zubair ha aperto un quarto edificio d’esposizione, battezzato Bait Al Nahdah (la casa della Renaissance, in arabo) in omaggio al periodo di Renaissance del paese, inaugurata dal sultano Qaboos in occasione della sua salita al potere nel 1970. Questo nuovo spazio di quattro piani ospita un fondo permanente di oggetti relativi alla storia del sultanato così come un’esposizione d’arte contemporanea di artisti omaniti. È anche concepito per accogliere esposizioni temporanee, concerti ed eventi.
  5. Il museo Bait Al Baranda è consacrato alla storia di Muscat ed è situato vicino la vecchia cittadella non lontano dal litorale di Muttrah, il lungomare della capitale. Si trova in una casa centenaria e propone un percorso interattivo che ripercorre gli avvenimenti della città dall’epoca preistorica.  La parte più ricca ricalca la storia della dinastia regnante Al Busaid.
  6. The Walk e il nuovo polo Al Mouj.  La “nuova” Muscat si sviluppa nella zona di The Walk, un’area pedonale realizzata nei pressi di Al Mouj Marina, nuovo polo attrattivo della capitale in cui si concentra un’ampia scelta di ristoranti, bar, hotel e negozi. The Walk ha un’ottima posizione, sul lungomare, e offre una combinazione di ristoranti al coperto e all’aperto tutto l’anno. Inoltre, ospita la prima piazza pubblica di Muscat, Marsa Plaza, sede di attività culturali, eventi comunitari e spettacoli dal vivo. I residenti e i visitatori possono passeggiare lungo i sentieri pedonali, fermarsi a gustare un pasto o uno snack, ammirare i giochi d’acqua interattivi.

Programmmi per il mese di Aprile :

Sono in programma durante il mese di aprile:

  • il balletto Al Hamama Al Mutawwaqa, il 12 e 13 aprile, e Kristine Opolais, un soprano lettone, il 18 aprile canterà arie di Puccini, Verdi e Tchaikovsky.
  • Una performance degna di nota ad aprile anche presso l’Oman Convention & Exhibition Centre, il nuovissimo centro convegni di Muscat, dove il 24 aprile sarà in scena Michael McIntyre, popolare comico, attore e conduttore televisivo britannico.
ESCURSIONI DA MUSCAT

Osservazione dei delfini, crociere al tramonto, snorkeling e molto altro – c’è una vasta gamma di tour marini e charter di immersioni che operano dal marina di Oman Sail, fino alla vicina riserva naturale delle isole Daymanyiat o da Marina Al Bandar per ammirare i delfini a Bandar Al Khairan. I più avventurosi possono anche fare snorkeling nei dintorni delle isole, cimentarsi con la pesca, seguire corsi PADI, jet-ski, wakeboard o paddle-board.                 I tour sono gite di un giorno, di mezza giornata o, per i più avventurosi, è possibile organizzare il pernottamento in campeggio.

L’OMAN A TAVOLA – INDIRIZZI GOURMET

Muscat è anche un ottimo punto di ritrovo gastronomico, grazie alla varietà di ristoranti e bar che offre la città.

  1. Bait Al Luban – La casa dell’incenso – è un elegante ristorante vicino a Muttrah, con setting e cibo tradizionale omanita.  Raffinato e rispettoso delle tradizioni, apre i pasti con acqua e incenso, ha sale con majilis, ma anche tavoli all’europea, e salottini con tavoli bassi così da accontentare tutti i gusti.
  2. Kargeen, nella Medina Qaboos, è un ristorante di specialità orientali, yemenite e continentali con una capacità di 400 coperti. Sala interna in stile mediorientale, tavoli all’aperto sotto un magnifico pergolato e un’atmosfera magica alla sera.
  3. KurkumRestaurant, ristorante indiano alle porte del Souq di Muttrah.
  4. Begums, con piatti tipici della tradizione omanita.
  5. Copper Restaurant, ristorante urbano con annessa boutique in stile hipster e piatti di ispirazione americana.
  6. Mumtaz Mahal, “il” ristorante indiano della capitale.

Per info sui prossimi eventi in programma a Muscat:

A cura di Natalie Paligutan

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 3 =