Per rilanciare il turismo dopo il Covid, la Slovenia punta sullo slow travel, il turismo lento, con i Villaggi Aperti.

La storia dei Villaggi aperti è la storia di una fuga dalla città in un villaggio che accoglie con la sua genuinità, vino e cibo stagionale e sano, per lo più coltivato ​biologicamente, e con l’ospitalità degli abitanti, cortesi con i loro ospiti e anche con i loro amici animali.

Succede tutto troppo velocemente nella vostra vita quotidiana? Non vi addormentate la sera perché state pensando a quello che dovete fare il giorno dopo? Vi sentite circondati dal rumore e state perdendo momenti preziosi della vostra vita in attesa? Sicuramente, dopo questi tempi del Coronavirus, arriverà il momento giusto per scappare. Cosa potrebbe esserci di più bello che dare a sé stessi e alla persona amata, come regalo, una fuga con un’esperienza molto speciale? Una fuga dalla città alla campagna Slovena?

Quindi, fuga verso Villaggi aperti e persone aperte. Sebbene tutto intorno a noi sembra andare troppo veloce, la vita nella campagna slovena batte ancora con il suo ritmo. Offre al viaggiatore un completo distacco e relax in un ambiente che conserva la tradizione, rispetta la natura in armonia con le stagioni e le conoscenze che si tramandano di generazione in generazione.

La vita nei Villaggi Aperti

Nei vigneti, nei frutteti e negli oliveti che abbracciano i borghi, ronzano dei trattori con attacchi più moderni. I rami e i germogli vengono delicatamente accarezzati e curati con attenzione dai proprietari durante la stagione di crescita. Il vino matura nelle cantine, i formaggi nelle dispense, il miele negli alveari e l’olio d’oliva in contenitori di vetro che in cambio di un’attenta cura, offrono ogni anno una diversa nobiltà di sapori. Al soffio della Bora maturano i salumi casalinghi, tra i quali regna il buonissimo prosciutto. Migliore se affettato per amici, con il pane fatto in casa e un bicchiere di vino fresco. Tutto è sano e pieno di sapore.

Questa è la vita nei Villaggi aperti!

Villaggi aperti, pane olio e olive

Famiglia Vižintin e l’olio d’oliva Ronki

Žarko Vižintin si occupa di oliveti nella Valle del Vipacco già da 17 anni. Negli ultimi anni, con la sua famiglia, la moglie Silva e il figlio Martin, hanno prestato maggiore attenzione anche al turismo. “È giusto che le persone che si fermano da noi vedano come e di cosa viviamo”, ha detto Žarko, citando non pochi ospiti casuali che si sono fermati nella sua vigna, presa in affitto da suo zio. “Cosa c’è di più bello per un ospite che viene da noi e può provare il vino, l’olio e i salumi che produciamo qui?”.

Žarko dice che sanno sempre come prendersi cura di un ospite. “Oltre all’olio d’oliva, offriamo anche una pagnotta di pane fatto in casa nel forno a mattoni”, dice, aggiungendo che è giusto che l’ospite annunci il suo arrivo con qualche giorno di anticipo, perché così può prendersi davvero cura di lui. Hanno in costruzione anche uno spazio più grande per degustazioni di quattro tipi di olio d’oliva, compreso quello aromatizzato con peperoncino e aglio orsino. “Per me è un grande piacere portare i visitatori in un vecchio oliveto, raccontargli la nostra storia e descrivere il lavoro che facciamo nella piantagione. Le reazioni sono sincere. E rimangono nella memoria per sempre, come per esempio la famiglia del villaggio Dole pri Litiji, che ci ha invitato nel loro paese del carbone e siamo diventati amici.

Anche un turista con la targa svedese, che si è scoperto essere originario di Pola, si è fermato a Ošterija Branik e lì ha assaggiato il nostro olio. Il gestore del ristorante gli ha detto dove trovarci e lui è venuto davvero. E ha comprato le ultime tre bottiglie. “È interessante perché in Istria hanno un ottimo olio d’oliva, ma ha detto che gli piace di più il nostro”, afferma orgoglioso Žare. Che ci sia davvero qualcosa di speciale in questo lo dimostrano anche i numerosi premi e medaglie sul muro nella sala di degustazione che la famiglia Vižintin ha ricevuto per i suoi oli in varie competizioni. A causa del duro lavoro nell’oliveto, non possono partecipare a tutti i concorsi. Solitamente sono aiutati da amici, ma pensano che in futuro potrebbero unirsi a loro anche gli ospiti che conosceranno la Valle del Vipacco attraverso i Villaggi aperti. Secondo l’interlocutore, la raccolta di quest’anno non è stata di massima quantità, ma lo sarà di qualità. Come molte volte finora, perché oltre alla conoscenza e all’impegno, investiti nella produzione dell’olio d’oliva Ronki, ci sono anche tanta forza d’animo e cuore.

Questa esperienza unica è a portata di un click sul portale https://www.odprtevasi.si/it, dove potete scoprire la comodità dei Maxi, l’offerta di esperienze a contatto con gli abitanti e le attrazioni turistiche dei dintorni.

La scelta della località, prenotazione di una data libera e pagamento, sono seguiti dalla consegna del codice per l’utilizzo dell’alloggio prescelto.

All’arrivo nel Villaggio aperto, gli ospiti riceveranno una carta di vantaggi che possono utilizzare quando visitano attrazioni turistiche o ristoranti selezionati in tutta la Slovenia.

I dilettanti e gli amanti dell’esplorazione di bellezze della campagna possono uscire dai Villaggi aperti in escursioni con le biciclette elettriche con un raggio fino a 100 km.

Questi sono i Villaggi aperti.

Glampyarding: un modo completamente nuovo di trascorrere le vacanze in campagna. Un’esperienza unica di vita autentica nel villaggio, in un anfiteatro naturale che offre un fascino unico d’intreccio familiare e di tradizione durante tutto l’anno in combinazione con la comodità di un alloggio moderno e sostenibile.

Offerta disponibile dal giugno 2021!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 2 =