Dal 9 giugno il flusso di viaggiatori tra la Francia, l’Italia e i paesi stranieri riapre secondo modalità che varia in funzione della situazione sanitaria dei paesi terzi e dello stato di vaccinazione dei viaggiatori. I paesi sono divisi in categorie definite sulla base degli indicatori sanitari. La lista dei paesi può essere modificata in base all’andamento della situazione ed è consultabile sul sito del Governo Francese.

Stati verdi

Paesi dello spazio Europeo, Australia, Corea del Sud, Israele, Giappone, Libano, Nuova Zelanda, Singapore.
I viaggiatori vaccinati in provenienza da questi stati possono entrare in Francia senza dover eseguire ulteriori controlli.
I viaggiatori non vaccinati devono presentare un risultato negativo di un test molecolare PCR o antigenico effettuato al massimo 72 ore prima dell’ingresso.

Stati arancio

Tutti gli stati che non si trovano nell’elenco verde e rosso.
I viaggiatori vaccinati devono presentare un risultato negativo di un test molecolare PCR effettuato al massimo 72 ore prima dell’arrivo in Francia oppure un test antigenico effettuato al massimo 48 ore prima.
I viaggiatori non vaccinati devono dimostrare un motivo di necessità per lo spostamento.

Stati rossi

Sudafrica, Argentina, Bahrein, Bangladesh, Bolivia, Brasile, Cile, Costarica, India, Nepal, Pakistan, Sri Lanka, Suriname, Turchia, Uruguay.
Tutti i viaggiatori (vaccinati e non vaccinati) devono dimostrare un motivo di necessità per lo spostamento

Si considera concluso il ciclo vaccinale: 2 settimane dopo la seconda dose per i vaccini Pfizer, Moderna, AstraZeneca o 4 settimane dopo la dose del vaccino Johnson&Johnson.
Per i guariti che hanno effettuato una sola dose di vaccino, il ciclo vaccinale si conclude 2 settimane dopo l’iniezione.

Consultare il documento relativo alla strategia di riaperutra delle frontiere.

Cosa si può fare dal 9 giugno

  • Coprifuoco alle ore 23.00
  • Riapertura delle sale interne di bar e ristoranti con tavoli per massimo 6 persone
  • Riapertura di palestre e di luoghi culturali , fiere e edifici sportivi con possibilita’ di accogliere fino a 5.000 persone
  • Accoglienza di turisti stranieri con pass vaccino
  • Per i turisti stranieri che non hanno completato la vaccinazione: un test molecolare o antigenico negativo – di 72 ore prima della partenza

Con fine giugno le riaperture saranno ancora piu ‘ importanti e intanto possiamo pensare finalmente a viaggiare in Francia !

Misure in vigore fino al 9 giugno

Misure specifiche per viaggiatori in provenienza dal Sudafrica, Argentina, Bangladesh, Bahrein, Brasile, Colombia, Costarica, Cile, Emirati Arabi Uniti, India, Nepal, Pakistan, Quatar, Sri Lanka, Turchia e Uruguay__ :

  • Sono consentiti solo gli spostamenti per determinati e limitati motivi: rientro alla residenza in Francia, ricongiungimento famigliare, rientro di residenti dell’Unione Europea.
  • Sono rinforzate le misure di test e controllo. È obbligatorio presentare un tampone molecolare PCR negativo di massimo 36 ore prima dell’imbarco oppure di massimo 72 ore accompagnato da un test antigenico rapido di meno di 24 ore.
  • Arrivati in Francia, in aeroporto, sarà necessario effettuare nuovamente un test antigenico rapido.
  • Ogni persona in provenienza da questi paesi dovrà effettuare una quarantena di 10 giorni e accompagnata da restrizioni di movimento dal luogo di isolamento.
  • Prima dell’imbarco sarà verificata la reale esistenza di un luogo dove effettuare la quarantena all’arrivo.

Le misure relative al test antigenico all’arrivo e della quarantena di 10 giorni si applicano anche ai viaggiatori in provenienza dalla Guyana.

Ingresso in Francia da un paese dello spazio europeo

Indipendentemente dal mezzo di trasporto utilizzato (aereo, ferroviario, marittimo o terrestre) tutti i viaggiatori di almeno 11 anni che devono entrare in Francia in provenienza da un paese dello spazio europeo (Stati membri dell’Unione Europea, Andorra, Islanda, Liechtenstein, Principato di Monaco, Norvegia, San Marino, Città del Vaticano e Svizzera) dovranno:

  • presentare l’esito di un tampone RT-PCR molecolare negativo effettuato al massimo 72 ore prima della partenza;
  • un’autodichiarazione che attesta di non presentare sintomi da Covid-19, non essere a conoscenza di essere entrati a contatto con un caso confermato di Covid-19. L’autodichiarazione è scaricabile sul sito del Ministero degli Interni francese. (Link esterno)

Il modello di autodichiarazione è diverso per i maggiori e minori di 11 anni:
Scarica l’autodichiarazione per i viaggiatori di più di 11 anni (Link esterno)
Scarica l’autodichiarazione per i viaggiatori di meno di 11 anni (Link esterno)

Sono esentati dall’obbligo di tampone per l’ingresso in Francia:

  • i residenti in zone di confine entro un raggio di 30 km dal loro domicilio e per spostamenti di durata inferiore alle 24 ore,
  • gli spostamenti professionali la cui urgenza o frequenza sia incompatibile con la realizzazione di un test,
  • gli autotrasportatori.

All’arrivo in Francia è fortemente raccomandato di restare in isolamento per 7 giorni e successivamente di fare un secondo tampone RT-PCR molecolare.

Per maggiori informazioni sui controlli sanitari alle frontiere in funzione dal paese di provenienza consultare le il sito del Ministero dell’Interno francese (Link esterno) .
Per maggiori informazioni: visitate il sito del Ministero dell’Europa e degli Affari Esteri (Link esterno)

Ingresso in Corsica

Per i viaggi verso la Corsica sono in vigore misure specifiche.

  • Tutti i passeggieri dagli 11 anni dovranno presentare un test RT-PCR molecolare negativo effettuato al massimo 72 ore prima della partenza
  • Tutti i passeggeri dovranno presentare alla compagnia di trasporto una dichiarazione giurata, stampata e firmata, in cui certificano di aver effettuato il test prima dell’imbarco, che non presentano i sintomi di infezione da Covid- e che non si ha conoscenza di essere stati a contatto con un caso confermato di Covid-19 nei 14 giorni precedenti il viaggio.

La dichiarazione giurata può essere scaricata dal sito dell’Agenzia Regionale della Salute della Corsica. (Link esterno)
È in corso una sperimentazione per utilizzare l’applicazione TousAntiCovid (Link esterno) sui voli per e dalla Corsica per anticipare il futuro pass sanitario (Link esterno) .

Ingresso nei territori e dipartimenti d’Oltremare

L’ingresso nei territori e dipartimenti d’Oltremare è regolamentato attraverso misure specifiche. (Link esterno)
Dal 31 gennaio sono consentiti solo gli spostamenti per motivi imperativi di ordine personale, familiare, motivi urgenti di salute o motivi professionali indifferibili.
In caso sussistano i motivi per lo spostamento verso l’Oltremare francese sarà necessario sottoporsi a tampone PCR molecolare al massimo 72 ore prima dell’imbarco.

Ogni territorio e dipartimento ha misure specifiche, queste misure sono indicate sui siti delle prefetture locali.

Misure per gli spostamenti dall’Oltremare francese alla Francia metropolitana:

  • Le Isole di Guadalupa, Martinica e Saint-Martin: dal 9 giugno consentiti tutti gli spostamenti.
  • Saint-Barthélémy: dal 1 giugno consentiti tutti gli spostamenti.
  • Isola della Réunion, Mayotte e Polinesia Francese: dal 9 giugno sarà consentito l’ingresso libero per le persone vaccinate.
  • Guyana Francese, Nuova Caledonia e Wallis-et-Futuna: per tutti i viaggiatori, sono consentiti solo i viaggi per motivi imperativi di ordine personale, di salute o motivi professionali indifferibili.
  • Saint Pierre-et-Miquelon: dal 19 maggio consentiti tutti gli spostamenti.

Misure per gli spostamenti dalla Francia metropolitana all’Oltremare francese:

  • Saint Pierre-et-Miquelone Saint-Barthélémy: dal 19 maggio consentiti tutti gli spostamenti.
  • Le Isole di Guadalupa, Martinica e Saint-Martin: dal 9 giugno consentiti tutti gli spostamenti.
  • Isola della Réunion, Mayotte e Polinesia Francese: dal 9 giugno sarà consentito l’ingresso libero per le persone vaccinate.
  • Guyana Francese, Nuova Caledonia e Wallis-et-Futuna: per tutti i viaggiatori, sono consentiti solo i viaggi per motivi imperativi di ordine personale, di salute o motivi professionali indifferibili.

In caso di spostamento, oltre al test 72 ore prima dell’imbarco, sarà necessario inoltre registrare il proprio arrivo sulla piattaforma Etis.pf (Link esterno)

Per informazioni specifiche sulle singole destinazioni, consultare le misure sanitarie per l’Oltremare Francese o le schede paese sul sito Viaggiare sicuri :
Le isole di Guadalupa (Link esterno)
Martinica (Link esterno)
Saint-Martin (Link esterno)
Isola della Réunion (Link esterno)
Mayotte (Link esterno)
Guyana Francese (Link esterno)
Polinesia Francese (Link esterno)
Nuova Caledonia (Link esterno)

Durante le ore di coprifuoco in Francia, i viaggiatori che devono spostarsi verso un aeroporto per prendere un volo verso una destinazione dell’Oltremare devono presentare il biglietto aereo e un documento che giustifichi lo spostamento.

È fortemente raccomandato di presentarsi in aeroporto già con il risultato di un test effettuato precedentemente. I centri di screening permettono di effettuare il test direttamente all’aeroporto di Paris-Orly o Paris-Charles de Gaulle, ma è obbligatorio prendere un appuntamento online, e per coloro che sono obbligati a fare il test in aeroporto il giorno del volo, si raccomanda di attendere 2 ore tra l’arrivo al centro di screening e la consegna del risultato. Per maggiori informazioni, consultare la pagina dedicata sul sito web dell’aeroporto di Parigi (Link esterno) .

Inoltre, il Ministero della Francia d’Oltremare invita le persone che desiderano recarsi in un territorio d’oltremare a informarsi in anticipo sul sito web della prefettura o dell’alto commissariato sulle restrizioni in loco per combattere l’epidemia di Covid-19.

Per maggiori informazioni: Sito del Ministero dell’Europa e degli Affari Esteri (Link esterno)

Punti prelievo e test rapidi nei porti e aeroporti

Al livello degli arrivi del terminal 1A dell’aeroporto di Parigi Orly, è stato attivato un centro diagnostico attivo dal lunedì al sabato dalla 7 alle 17 e la domenica e giorni festivi dalle 7 alle 12.
Le fasce orarie tra le 7 e 11 sono dedicate ai test antigenici. I passeggeri possono prendere appuntamento on line (Link esterno) .

Un centro diagnostico è attivo anche all’aeroporto Parigi Charles-de-Gaulle, termina 2E, livello partenze, davanti alla porta 17. Il centro è aperto dal lunedì al sabato dalle 7 alle 17 e la domenica e giorni festivi dalle 7 alle 12.

I passeggeri possono prendere appuntamento on line (Link esterno) .
Il risultato dei test antigenici sarà comunicato entro 2 ore dall’arrivo al centro.
Per i test RT-PCR molecolari: il risultato sarà inviato ai passeggeri in formato digitale, SMS o mail, e consultabile sul sito web Cerballiance (Link esterno) entro 48 ore.

Ingresso in Italia dalla Francia

Fino al 30 luglio, gli spostamenti verso l’Italia sono disciplinati dall’ordinanza 14 maggio 2021 del Ministero della Salute.
La Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo) rientra nell’elenco C. L’Ordinanza del Ministero della Salute prevede che per tutti coloro che hanno transitato o soggiornato nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia, in uno o più stati dell’Elenco C, devono:

In attesa che siano diramate le necessarie linee guida in merito alla certificazione verde Covid-19, si può continuare a presentare un certificato che attesti l’effettuazione di un test molecolare o antigenico, realizzato nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia, condotto con tampone e risultato negativo.

Nel caso in cui non sia possibile presentare la certificazione verde Covid-19 o un certificato che attesti l’effettuazione del test, è comunque possibile entrare in Italia, a condizione di:

  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per un periodo di 10 giorni, presso l’abitazione o la dimora, informando il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria competente per territorio;
  • Effettuare un test molecolare o antigenico al termine dell’isolamento fiduciario.

Attualmente il test è obbligatorio anche per coloro che hanno completato il processo vaccinale.

Eccezioni all’esecuzione del tampone per l’ingresso in Italia (Link esterno)

Per maggiori informazioni consultare il sito Viaggiare Sicuri (Link esterno)
Cosa fare quando si rientra in Italia dall’estero (Link esterno)
Il sito Viaggiare Sicuri ha preparato un questionario interattivo da consultare in caso di partenza per l’estero o rientro in Italia per identificare la normativa in vigore al momento della consultazione e in base al proprio itinerario di viaggio: Questionario Interattivo (Link esterno) .

Informazioni in caso di cancellazione o spostamento:

Informazioni utili per i Tour Operator

Consultate la scheda informativa per l’ingresso e l’uscita dalla Francia con le informazioni utili per i Tour Operator italiani.

Quali sono i comportamenti da seguire per limitare la propagazione del virus?

La situazione sanitaria migliora in maniera costante in Francia ma è necessario restare prudenti. Esistono dei gesti semplici per preservare la propria salute e quella di chi ci sta attorno:

  • Lavati le mani regolarmente
  • Copri con fazzoletti di carta bocca e naso se starnutisci o tossisci
  • Saluta senza la stretta di mano, evita gli abbracci
  • Utilizza dei fazzoletti usa e getta
  • Indossa una mascherina nel caso in cui fossi malato
  • Indossa la mascherina nei luoghi pubblici al chiuso, sui mezzi di trasporto pubblico, sui taxi e VTC, e all’interno dei negozi e nei luoghi indicati dai prefetti di ogni dipartimento in base alla situazione epidemica locale.

Informazioni utili

Tutte le informazioni ufficiali sulla situazione in Francia in tempo reale sul:

Per rimanere aggiornati sulle misure di viaggio in vigore tra Italia e Francia e viceversa, è possibile consultare il sito viaggiaresicuri.it (Link esterno) , curato direttamente dall’unità di crisi del Ministero degli Affari Esteri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tredici − 3 =