Madeira, destinazione Clean & Safe: Programma e Diario di Viaggio

Madeira, isola del Portogallo a largo della costa nordafricana, dallo straordinario clima temperato, si presenta come destinazione “Clean&Safe”, sicura dal Covid. Ecco il nostro programma di 11 giorni e diario di viaggio dal 19 al 29 novembre 2020.

 

Viaggio a Madeira Clean & Safe

Viaggiare durante il Covid verso destinazioni sicure è possibile, anzi auspicabile

1° giorno viaggio a Madeira Clean  & Safe – Funchal

Partenza da Roma con volo TAP alle 15:45, scalo a Lisbona e arrivo all’aeroporto Cristiano Ronaldo di Madeira alle 22:15.

https://twitter.com/paesionline/status/1329498364723998721?s=19

 

Aeroporto di Madeira, procedura per tampone per Covid
Aeroporto di Madeira, procedura per tampone per Covid

All’arrivo ci si sente subito in sicurezza grazie a tutte le misure contro il Covid. Siamo stati accolti dall’equipe Clean&Safe dell’aeroporto e registrati sul portale Madeira Safe to Discover per eseguire gratuitamente in loco il tampone, a meno che non si arrivi già con un tampone eseguito nella località di partenza. In attesa del test del Covid, ci hanno offerto delle banane dolcissime e regalato la mascherina brandizzata Madeira.

Transfer all’Hotel Turim e checkin in attesa di ricevere i risultati del test, che arrivano in 5-6 ore, giusto il tempo della notte.

 

2° giorno viaggio a Madeira Clean  & Safe – Funchal

Giorno libero in attesa dei risultati del tampone per il covid (che in realtà sono arrivati alle prime luci dell’alba).

Passeggiata a zonzo per Funchal (visita al castello seicentesco sul lungomare) e pranzo presso la Taberna Madeira, a ridosso del lungomare. Piacevolissima chiacchierata con il proprietario Elio che parla molto bene l’italiano perché ha lavorato tanti anni nel nostro Paese.

Cena presso il ristorante Gruta (carne argentina)

3° giorno viaggio a Madeira Clean  & Safe – Funchal

Dopo un giro al mercato coperto di Funchal dove abbiamo assaggiato della squisita frutta locale, (passion fruit alla banana, all’arancia e pomodori indigeni), abbiamo iniziato il tour in jeep con Discovery Island-Madeira nella parte nord est dell’Isola:
  • Santuario della Madonna della Pace a Terreiro da Luta.
  • Pico do Arieiro
  • Ribeiro Frio dove la jeep ci ha lasciato. Abbiamo camminato per 40 minuti nel bosco di piante primitive lungo la Levadados Balcões, fino a raggiungere i Balconi, altissimo punto panoramico con vista spettacolare sopra le nuvole.
  • avventura nella foresta endemica dell’isola, da Faial a Santana, una volta risaliti sulla jeep
  • a Santana casette delle fiabe con tetto a triangolo fatto di paglia immerse nei fiori
  • Pranzo squisito e panoramico alla Quinta do Furao     Hotel 4 stelle e piscina inseriti in un vigneto sopra una scogliera
  • Porto do Cruz: visita alla fabbrica del rum fatto con canna da zucchero; accanto c’è una piccola baia dei surfisti. Qui si possono prendere anche lezioni di surf.
  • direzione Machico fino al punto panoramico Pico do Facho. Infine Ponta do Rosto, la punta estrema est dell’isola, da cui si può vederne sia la parte meridionale sia quella settentrionale.
Madeira_scogliera_Vista da Quinta do Forao
Madeira_Vista da Quinta do Forao

La sera,  degustazione dei piatti dello Chef Julio al ristorante Kampo, una vera esperienza enogastronomica, con una cucina originale, difficilmente inquadrabile nelle classiche etichette. Ci sediamo al bancone dell’isola-cucina posizionata nel centro della sala, dove vediamo preparare di fronte a noi le pietanze e possiamo scambiare due chiacchiere con lo Chef.

Viaggio a Madeira Clean & Safe

4° giorno Madeira Clean&Safe – Camera de Lobos e Faja dos Padres

Lasciamo il Turim Hotels & Resorts di Funchal, e con la macchina costeggiamo la costa verso ovest. Siamo circondati da coltivazione a terrazza di bananeti.
Visita al villaggio Camera de Lobos: passeggiata nel quartiere dei pescatori, dove nel 1950 ha soggiornato Churchill per 12 giorni. Coloratissime barche nel porticciolo e vicoli molto curati con localini e ristoranti.
Proseguiamo verso ovest alla volta di Fajã dos Padres dove con una teleferica si scende di 300 metri a strapiombo sul mare.
In basso,  il ristorante sulla spiaggia lavica di ciottoli neri alla quale si accede tramite un bananeto. Pranzo di pesce e gelato alla banana… dell’albero alla tavola!
Verso le 17:00 risaliamo i 300 metri di dislivello con la cabinovia e ci dirigiamo a Ponta do Sol per il check in all’Hotel Estelagem da Ponta Do Sol. Abbarbicato sulla roccia che si staglia a picco sul mare, l’hotel si sviluppa su più livelli a terrazze, ricchi di giardini pensili, a cui si accede tramite tre ascensori, a partire dal livello della strada privata che offre un comodo parcheggio riservato agli ospiti.
La vista è mozzafiato. La nostra camera affaccia sull’oceano ed è possibile dormire cullati dal suono delle onde.

Cena al ristorante Onda Azul (Hotel Calheta Beach) che ci ha colpiti per il carpaccio al polpo com verdure e una variante di Madeira del Tiramisu.

Viaggio a Madeira_ clrean&safe_ ristorante Onda Azul
Madeira_ Clrean&Safe_ ristorante Onda Azul

5° giorno Madeira Clean&Safe – Levada do Alecrim

Pick up in Hotel accompagnati dalla guida Geliany Jardim. Iniziamo la giornata con una camminata di circa due ore sul Plato, l’altopiano di Madeira, lungo la Levada do Alecrim. Le Levadas sono canali di raccolta e distribuzione delle acque sia per l’energia idroelettrica che per l’irrigazione: 2500km di Levadas nell’isola.
Le piante catturano l’umidità nell’aria, la trasferiscono nel terreno che la filtra e attraverso sorgenti dalle rocce la fa sgorgare nuovamente. L’acqua così viene raccolta in questi canali chiamati appunto Levadas.
Pranzo a Quinta Das Vinhas Madeira, tenuta del 1600 della famiglia Welsh. Ci accoglie Miguel Caldeira che ci accompagna in una visita della proprietà tappezzata di vigneti.
Pace, calma e tranquillità sono l’essenza di questo posto dove è possibile soggiornare in assoluto relax.
Quinta das vinhas - Hotel e Ristorante in una villa secentesca tra i vigneti
Quinta das vinhas – Hotel e Ristorante in una villa secentesca tra i vigneti
Ripartiamo con la macchina in direzione ovest, verso Paul do Mar dove assistiamo a un tramonto mozzafiato sorseggiando un cocktail da Maktub, che ci ospita anche per cena. Scopriamo che l’ultimo colore del sole, quelle poche frazioni di secondo prima del tramonto, è il verde.
Fabio, il proprietario ci racconta che suo padre è partito in barca a vela, in solitaria, più di un anno fa per un giro del mondo al fine di riprodurre il processo di trasformazione del vino di Madeira in liquore, che era avvenuto casualmente la prima volta nel ‘600.

 

6° giorno Madeira Clean&Safe – le piscine naturali di Porto Moniz e Seixal

Dopo colazione con vista sull’oceano, lasciamo l’Hotel alla volta di Porto Moniz, ma prima ci fermiamo a Ponta do Pargo.

Ponta do Pargo rappresenta l’estrema punta ovest dell’isola. Sembra l’Irlanda: prati ondulati a perdita d’occhio distesi su una serie di altopiani sui quali troneggia un  faro. Poco distante, la Casa del thè, circondata da un giardinetto dove si coltivano varie erbe (finocchio, limone, menta) per confezionare tisane. Dell’orto alla tazza!
Breve sosta ad Achada das Cruz per vedere un’altra teleferica a strapiombo sul mare.
Ripartiamo alla volta di Porto Moniz. Qui il paesaggio è un mix tra la Costiera amalfitana e la Svizzera: le case lungo la strada e le aiuole di fiori sono molto curate.
Arriviamo all’hotel ristorante Aqua Natura Madeira Hotel.Prima di pranzo bagno nelle piscine naturali a ridosso dell’oceano a cui si accede dall’hotel/ristorante.
Uno spettacolo per gli occhi: una dozzina di piccole piscine comunicanti col mare alle quali si accede con gradini e corrimano. La struttura è dotata di spogliatoi, docce e servizi.
<< Guarda la gallery delle piscine naturali di Porto Moniz >>
L’accesso alle piscine è consentito sia agli ospiti dell’hotel, sia agli esterni paganti.
Il direttore dell’Hotel ci mostra alcune stanze, perfette anche per chi decide di trascorrere qui periodi più lunghi tra smart working e relax.
Ci parla di un’offerta a €700 per due settimane, con pensione completa e scelta tra tre ristoranti vicini appartenenti allo stesso gruppo.
Pranzo al ristorante di Aquanatura roof deck, seduti al bancone con vista sul blu increspato.
Si riparte alla volta di altre piscine naturali, a Seixal e Sao Vicente.
Tagliamo Madeira verso sud attraversando le montagne per tornare a Funchal.
Check in presso il Savoy Palace Hotel (5 stelle) e buona cena nel ristorante dell’hotel, denominatoTerreiro.

7° giorno Madeira Clean&Safe – Tour enogastronomico

Wine tour dell’Isola con Sofia del Wine Tours Madeira che ci viene a prendere col suo minivan, chiamato Sheila. Sofia non è una normale guida ma, come ama definirsi, è una vera e propria storyteller, che ci intrattiene durante il tour con aneddoti e storie dell’Isola.

Wine tour_ Cantina Blendy's a Madeira
Cantina Blendy’s a Madeira
Partiamo con la visita alla cantina Blandy’s a Funchal. Il Madeira, vino liquoroso, viene stagionato a temperatura ambiente perché è il calore che attiva il processo di trasformazione. Una volta aperto, non va a male.
Pranzo e degustazione (tempo un po’ da lupi) alla Quinta do Barbusano, davanti al campanile del santuario della Madonna di Lourdes, costruito dalle donne della zona che avevano fatto voto alla Madonna per riavere i propri uomini sani e salvi dalla prima guerra mondiale.
Madeira wine tour_ Cantina Barbusano
Madeira wine tour_ Cantina Barbusano
Ripartiamo con il pulmino Sheila alla volta dei Seixal, dove ci attendono per la degustazione i coniugi della cantina Terras do Avo sulla loro terrazza che affaccia sulle piscine naturali.
Terminiamo il tour, visitando la Cantina Barbeito.
In serata, un’esperienza enogastronomica veramente unica: cena dal visionario Chef Selim Sinai Latrous al The Wanderer. Guru del digital marketing, Selim ha scelto Madeira come base per realizzare il suo originalissimo concetto di ristorazione. Leggi l’intervista con lo Chef Selim …
Viaggio a Madeira Clean & Safe

7° giorno – Relax e coccole alla spa dell’Hotel Savoy Palace

La giornata dedicata interamente al relax inizia con una colazione in tarda mattinata nella premium lounge  Jacaranda al 16° piano dell’Hotel Savoy Palace, con vista spettacolare sulla baia di Funchal. Qui le pietanze calde vengono preparate espresse.
Madeira_ Hotel Savoy Palace - breakfast nella Premium lounge
Madeira_ Hotel Savoy Palace – breakfast nella Premium lounge

La giornata prosegue con le coccole della Laurea Spa dell’Hotel Savoy Palace, la più grande del Portogallo, ispirata ai profumi e ai colori della Laurisilve, la foresta di alloro endemica di Madeira.

Questa sera siamo stati invitati dallo Chef Selim Latrous a provare l’altro suo ristorante, il Mucho Macho, cucina messicana soprattuto per gli abitanti di Madeira, situato nella terrazza dello stesso centro commerciale dove è situato il The Wonderer.

8° giorno – A spasso per Funchal

Questa giornata è dedicata ad una visita di Funchal in compagnia della guidaufficiale Graça Lopez, (gracalopes27@gmail.con), che conosce la città come le sue tasche e organizza qualsiasi cosa in modo molto profesionale.
Iniziamo dal Mercato dei laboratores perchè il venerdì e il sabato sono i giorni in cui i contadini dell’isova vengono a vendere i loro prodotti che costano meno rispetto a quello dei negozi in pianta stabile dentro il Mercado.
Graça ci fa notare le venditrici di fiori all’entrata del Mercato vestite con i tipici abiti della tradizione e ce ne fa conoscere una che è ormai diventata una star tra i visitatori del Mercato, una nonnina che parla 5 lingue, incluso l’italiano.
Approfittiamo per comprare i frutti tropicali tipici dell’isola da riportare a casa. A Madeira la Natura si è divertita a creare cocktail di frutta, il Monstera è un frutto a metà tra la banana e l’ananas, il maracuja si trova qui ai vari sapori di limone, pesca, fragola, etc, epoi c’è l’Anona da Madeira.
La nostra passeggiata continua e facciamo visita alla casa del Merletto tipico di Madeira, nella bottega Bordal.
Dolce pausa alla tipica cioccolateria Uaucacau.   Cioccolatini farciti ai frutti tropicali, al vino e al rum dell’Isola. Un ottimo regalo da riportare al ritorno dal nostro viaggio!
La serata si conclude al ristorante Aqua di Julio Pereira, lo stesso Chef del ristorante Kampo, ma Aqua è specializzata nei piatti di pesce. Come anche al ristorante Kampo, ci sediamo al banco dove davanti a noi gli i cuochi  preparano le pietanze.
Madeira Clean & Safe_ baia di Funchal di notte
Madeira: baia di Funchal di notte – Foto by Marco Davide Sousa

9° giorno – Tropical Garden e cena al Nini Design Center

Tramite la teleferica di Funchal arriviamo al Monte Palace Tropical Garden dove ci perdiamo tra i sentieri del grande giardino.

Il percorso in teleferica è veramente un’esperienza unica. Per circa 15 minuti a tratta, si passa sopra le case di Funchal scoprendo i tetti, i giardini, gli orti e le terrazze dei suoi abitanti. La vista sulla baia ha il sapore dell’infinito.

Concludiamo il nostro viaggio con la cena presso il Nini Design Center, castello antico riconvertito in luogo di esposizione e ristorante, da cui si gode di una vista sulla baia puntellata di luci. Raffinato, chic ed esclusivo, una vera experience!

10° giorno – Rientro in Italia con volo Tap

Ripartiamo con il volo delle 6:40 da Funshal a Roma. Madeira è perfettamente collegata all’Italia tramite i voli TAP, sia da Roma che da Milano, con scalo a Porto o a Lisbona. Nel nostro viaggio di rientro abbiamo avuto l’opportunità di accedere alla TAP Premium lounge durante il nostro scalo a Lisbona.  Spazio molto funzionale, ben curato, attrezzatissimo da ogni punto di vista (si può mangiare e bere a volontà) e del tutto rispondente alla sua finalità: far trascorrere il tempo in un ambiente accogliente, elegante e rilassante.        Altre info su TAP.

Per i connazionali che desiderano essere seguiti da personale italiano segnaliamo il tour operator Portugal For You Travel.

Mggiori info: Ente Ufficiale del Turismo di Madeira| Ente del Turismo del Portogallo

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto − quattordici =